Ricette tradizionali

L'America si sta preparando per una carenza di avocado e stanno per diventare molto costosi: ecco perché

L'America si sta preparando per una carenza di avocado e stanno per diventare molto costosi: ecco perché

Sembra che gli avocado maturi non torneranno nei negozi fino al 2019.

A causa dello stallo dei negoziati tra i coltivatori di avocado e le aziende che li confezionano e spediscono in tutto il mondo, gli Stati Uniti stanno affrontando una diffusa carenza di avocado che causerà aumenti dei prezzi nelle prossime settimane e un forte calo sia dell'offerta che della qualità.

Secondo questo Bloomberg rapporto, c'è una disputa sui prezzi tra i coltivatori di avocado in Messico (il più grande esportatore di avocado al mondo) e un'organizzazione di confezionatori ed esportatori nota come APEAM. A causa di una situazione di stallo nei negoziati, secondo quanto riferito, gli agricoltori hanno smesso del tutto di raccogliere avocado e le importazioni di avocado negli Stati Uniti si sono fermate lentamente ma costantemente nell'ultimo mese.

Rimani aggiornato su cosa significa sano ora.

Iscriviti alla nostra newsletter quotidiana per altri fantastici articoli e deliziose ricette salutari.

Gli americani non sono gli unici acquirenti che ne risentiranno: secondo quanto riferito, anche altri due importanti importatori di avocado, Canada e Giappone, stanno affrontando notevoli carenze, Bloomberg rapporti.

Altre notizie alimentari che dovresti sapere ora:

Alcuni acquirenti potrebbero già risentirne gli effetti: all'inizio di questo mese Food Lion, una catena di alimentari sulla costa atlantica, ha aumentato i prezzi in tutti i negozi, secondo l'imballatore. Rob Wedin, vicepresidente delle vendite e del marketing della Calavo Growers Inc. con sede in California, afferma che potrebbe volerci molto tempo prima che supermercati e ristoranti siano in grado di rifornirsi di nuovo del frutto carnoso verde a prezzi normali.

"I primi avocado raggiungeranno il confine questo fine settimana. Ne serviranno molti, molti di più per riportare le forniture alla normalità", ha detto. l'imballatore. “Ci vorranno settimane. Molti avocado non matureranno fino a dopo il Ringraziamento”.


Il miglior ristorante di sushi in ogni stato

Il sushi potrebbe essere nato come un fast food economico in Asia, ma oggi è una prelibatezza apprezzata in tutto il mondo. A meno che tu non stia partecipando a un buffet all-you-can-eat, il pesce crudo è in genere riservato alle occasioni speciali, specialmente se stai cercando l'esperienza di alto livello - omakase, in cui il sushi di fascia alta viene presentato in un successione elegante. Nei decenni dal suo debutto sulle coste americane negli anni '60, la scena del sushi ha fatto molta strada. Oggi ci sono quasi troppi ristoranti di sushi da contare, molti dei quali hanno molto di più da offrire rispetto al normale rotolo californiano.


Dagli avocado alle auto, ecco come gli esperti dicono che la chiusura delle frontiere di Trump potrebbe distruggere l'economia

WASHINGTON - Esperti e leader aziendali non tirano pugni nel descrivere il danno che una chiusura del confine tra Stati Uniti e Messico infliggerebbe all'economia, usando parole come "catastrofico", "disastro" e "caos".

Ben oltre 1 miliardo di dollari di scambi attraversa la linea tra Stati Uniti e Messico ogni giorno, secondo il governo degli Stati Uniti. Il commercio transfrontaliero supporta anche più di 4,5 milioni di posti di lavoro americani, secondo uno studio preparato per la Business Roundtable.

Anche una chiusura parziale del confine da parte del presidente Donald Trump - alcuni ponti chiusi, molti meno agenti che eseguono ispezioni, portando a più ore di attesa per attraversare - può avere un effetto pungente sull'economia e sulla vita quotidiana lungo il confine.

Tutto, dalla disponibilità di avocado alle vendite di auto, potrebbe essere influenzato poiché le verdure e le parti di automobili sarebbero tra le cose rallentate o fermate durante il viaggio verso nord.

Nessun luogo è esposto a un potenziale arresto come il Texas. Il Messico è di gran lunga il più grande partner commerciale del Texas.

"Se questo sarebbe un male per l'economia degli Stati Uniti, allora sarebbe devastante per l'economia del Texas", ha affermato Christopher Wilson, vicedirettore esecutivo del Wilson Center's Mexico Institute di Washington.

1 / 2 Le auto aspettano in fila per entrare negli Stati Uniti attraverso il porto di ingresso del Paso del Norte a El Paso, in Texas, domenica 31 marzo 2019. (Ryan Michalesko / Staff Photographer)

2 / 2 Gli acquirenti, molti dei quali torneranno in Messico entro la fine della giornata, camminano lungo El Paso Street nel centro di El Paso, in Texas, lunedì 1 aprile 2019. (Ryan Michalesko / Staff Photographer)

L'anno scorso il Messico ha rappresentato circa 187 miliardi di dollari di scambi con il Texas. Quell'attività supporta centinaia di migliaia di posti di lavoro in Texas che coprono tutto, dall'agricoltura alla produzione automobilistica alla produzione di energia.

Già frustrata dalle tariffe di Trump, che hanno provocato ritorsioni dal Messico e da altri paesi, la comunità imprenditoriale in Texas e oltre si sta preparando affinché le cose peggiorino.

Trump ha detto che chiuderà il confine non appena questa settimana in risposta a quello che vede come un fallimento delle autorità messicane nell'impedire alle ondate di migranti centroamericani di attraversare gli Stati Uniti. e molti dei detenuti sono famiglie e bambini.

I migranti hanno il diritto legale di richiedere asilo una volta negli Stati Uniti. Ma sono ricoveri travolgenti e, dice il governo, mettono a dura prova la polizia di frontiera.

La chiusura del confine tra Stati Uniti e Messico non impedirebbe necessariamente ai migranti di attraversare i checkpoint di frontiera, ma gli esperti hanno affermato che avrebbe un impatto immediato sul confine stesso.

Non è solo la massiccia rete di magazzini, autotrasporti e altre imprese logistiche che si è sviluppata lì per gestire i massicci flussi commerciali. C'è anche il semplice fatto che le persone lungo il confine lo attraversano ogni giorno per lavorare, fare acquisti e cenare.

Prendi El Paso e il sud del New Mexico, dove si stima che dal 15 al 30 percento del commercio al dettaglio sia svolto da cittadini messicani, ha affermato Jon Barela, CEO di Borderplex Alliance.

“Le piccole imprese saranno le prime ad essere colpite molto duramente” ha affermato Barela, la cui organizzazione è un gruppo di sviluppo economico binazionale con sede a El Paso. "Farebbe il caos".

I danni si estenderebbero da lì, hanno detto gli esperti.

Non ci vorrebbe molto, ad esempio, per un acquirente di generi alimentari di Dallas per accorgersene. Dieci milioni di tonnellate di prodotti entrano negli Stati Uniti dal Messico ogni anno, rappresentando oltre il 40% di tutta la frutta e verdura importata nel paese, secondo il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti.

Gli americani amanti dell'avocado esaurirebbero l'ingrediente essenziale per il guacamole in tre settimane se le importazioni messicane venissero interrotte, ha detto a Reuters Steve Barnard, presidente di Mission Produce, il più grande distributore e coltivatore di avocado al mondo.

Potrebbero anche essere costretti a lottare per cibi come fragole e peperoni, ha affermato Jennifer Apperti, direttrice del Mission Foods Texas-Mexico Center presso la Southern Methodist University.

"Stiamo parlando di prezzi estremamente alti o forse anche di carenze", ha detto.

Anche gli agricoltori, i produttori e altri che contano sul Messico come mercato chiave ne risentirebbero. L'"impatto sarebbe immediato" e un lungo arresto potrebbe portare a "devastazione economica", ha affermato Tony Bennett della Texas Association of Manufacturers.

Considera l'industria automobilistica, che ha punti d'appoggio in Texas come la sede nordamericana di Toyota a Plano e lo stabilimento di assemblaggio di General Motors ad Arlington.

Una chiusura del confine "comporterebbe interruzioni significative per l'industria automobilistica nordamericana", in parte perché "i componenti per auto possono attraversare il confine da sette a otto volte prima di essere integrati nell'assemblaggio finale di un veicolo", ha affermato un portavoce dell'Alleanza dei produttori di automobili.

Il Messico è la fonte numero 1 per i ricambi auto importati negli Stati Uniti, ha affermato Kristin Dziczek, esperta presso il Center for Automotive Research nel Michigan. Quelle parti non sono "unghie da 10 penny che puoi ottenere ovunque", ha detto.

"Non so come si fa a fare un piano di emergenza per chiudere tutto il Messico", ha detto.

Un componente chiave che l'industria ottiene quasi esclusivamente dal Messico, ad esempio, è un cablaggio che aiuta a legare i cavi nelle portiere e nei pannelli degli strumenti, ha affermato Dziczek.

Può sembrare una piccola cosa. Ma l'auto non può essere completata senza di essa. Se l'auto non può essere completata, la linea di produzione deve essere chiusa. Se la produzione viene interrotta, anche altri fornitori, anche quelli che non si affidano a parti dal Messico, devono chiudere.

"Probabilmente ci sono aziende automobilistiche che diminuiranno entro un turno o due", ha detto Dziczek. "Non ci vorrà molto più di una settimana per chiudere l'intero settore".

In breve, il sistema si dipana senza la partecipazione del Messico. I licenziamenti sostanziali e il rallentamento della crescita economica sarebbero quasi certi se un arresto dovesse durare molto a lungo, hanno affermato gli esperti.

1 / 3 Il sole tramonta sulle tentacolari città di confine di El Paso, Texas (in primo piano), e Ciudad Juarez, Messico, lunedì 1 aprile 2019. (Ryan Michalesko / Staff Photographer)

2 / 3 L'imprenditore nel centro di El Paso, Gustavo Tavera, guarda con piacere agli acquirenti che passano mentre paga le bollette nel suo negozio di El Paso Street, che possiede da 27 anni, a El Paso, in Texas, lunedì 1 aprile 2019. "E" #x27s molto spaventoso per me. Questo posto sarebbe una città fantasma", ha detto Tavera del centro di El Paso nella situazione in cui il presidente Trump chiude il confine come minacciato. "Il 90% dei miei clienti ogni giorno proviene dal Messico. Se non possono venire in negozio, sarò costretto a chiudere e ci sono molte più persone come me quaggiù che dovrebbero fare lo stesso." (Ryan Michalesko / Staff Photographer)

3 / 3 Gli acquirenti passano dai negozi di abbigliamento lungo El Paso Street nel centro di El Paso, in Texas, lunedì 1 aprile 2019. (Ryan Michalesko / Staff Photographer)

In una stazione di servizio, Rogelio Benavides, 32 anni, ha fatto scorrere il telefono per controllare sua moglie, che lunedì era a Ciudad Juarez per un appuntamento dal dentista. Anche sua suocera vive lì.

“Le ho detto: ‘Piccola, torna a casa. Non sai cosa farà quest'uomo da un momento all'altro'", ha detto, riferendosi a Trump. "Potrebbe chiudere il confine e tu rimarrai bloccato lì a Juarez per Dio sa quanto tempo."

El Paso e Juarez, proprio di fronte al Rio Grande, sono collegati all'anca. Non solo le famiglie vivono su entrambi i lati del confine, ma fanno anche acquisti e lavorano su entrambi i lati.

Il sindaco di El Paso, Dee Margo, ha indicato lunedì un outlet come esempio di questi legami. L'anno scorso, ha detto, il centro commerciale ha generato circa $ 9,1 milioni di entrate. Quasi la metà dei clienti proveniva dal Messico.

"Economicamente, un arresto sarebbe un killer", ha detto, aggiungendo che circa 23.000 pedoni si recano al lavoro ogni giorno a El Paso. "L'impatto sarebbe devastante".

Già alcuni agenti della polizia di frontiera sono stati trasferiti lontano dai ponti per far fronte alla crisi dei migranti, che ha portato a lunghe code e, "Sono molto preoccupato per l'impatto che questo avrà sulla nostra città", ha detto Margo.

E il segretario del Dipartimento per la sicurezza interna, Kirstjen Nielsen, afferma che potrebbe riassegnare fino a 2.000 agenti, rispetto ai 750 annunciati la scorsa settimana.

"La chiusura del governo ci ha davvero ferito", ha detto Margo, notando l'enorme presenza militare e federale a El Paso. "Un blocco delle frontiere essenzialmente ci spazzerà via".

L'unico equivalente quasi equivalente a quello che Trump propone è arrivato sulla scia degli attacchi terroristici dell'11 settembre, quando i problemi di sicurezza in corso hanno spinto l'amministrazione del presidente George W. Bush a ordinare ispezioni al 100% ai porti di ingresso.

Lo sforzo si è trasformato in un pantano, chiudendo efficacemente il confine con linee massicce.

"Ci siamo resi conto in quell'istante quanto fosse davvero vitale per entrambe le nostre economie e società che un confine funzionante fosse", ha affermato Wilson, l'esperto del Wilson Center.

Nel centro di El Paso, lunedì gli acquirenti stavano riaggiustando i loro piani.

Margie Fuentes, 31 anni, avrebbe cenato con un'amica dall'altra parte del confine questa settimana, ma quando ha controllato un'app e ha visto che le linee pedonali erano lunghe circa tre ore, ha detto: "Penso che la colazione o il pranzo potrebbero essere meglio .”

"Questo è folle", ha aggiunto. "La gente non capisce che siamo davvero una città".

E, in un certo senso, anche un'economia.

Bennett della Texas Association of Manufacturers ha affermato che un arresto potrebbe portare a un effetto domino, a causa della natura "simbiotica" delle catene di approvvigionamento nordamericane.

"C'è più male da fare che bene", ha detto.

Tom Benning ha riferito da Washington e Alfredo Corchado ha riferito da El Paso.


Le nuove linee guida dietetiche per gli americani raccomandano le uova per la nutrizione di cui i bambini hanno bisogno per lo sviluppo del cervello

CHICAGO , 29 dicembre 2020 /PRNewswire/ -- Uno dei migliori alimenti per lo sviluppo sano del cervello di un bambino si trova già nella maggior parte dei frigoriferi: le uova. In un primato storico, le linee guida dietetiche per gli americani 2020-2025 recentemente rilasciate includono raccomandazioni per la nascita a 24 mesi e raccomandano specificamente le uova come primo alimento importante per neonati e bambini piccoli, nonché per le donne incinte e le mamme che allattano.

Le nuove linee guida confermano che le uova - da tempo note per essere una fonte vitale di nutrienti per persone di tutte le età - forniscono diversi nutrienti chiave importanti per i bambini durante il periodo in cui il loro cervello si sta sviluppando più rapidamente. In particolare, le linee guida sottolineano l'importanza della colina, un nutriente abbondante nelle uova, raccomandando le uova come primo alimento per i bambini per ridurre il rischio di allergia alle uova.

"Le nuove linee guida dietetiche per gli americani confermano ciò che la scienza ha dimostrato: le uova forniscono un supporto nutrizionale fondamentale per la salute del cervello e svolgono un ruolo cruciale nello sviluppo infantile e nella salute prenatale", ha affermato Emily Metz, presidente e CEO dell'American Egg Board. "Con il 90% della crescita del cervello che si verifica prima dell'asilo, le uova aiutano a far contare ogni morso, specialmente quando i bambini vengono appena introdotti ai cibi solidi."

Come primo alimento fondamentale per i bambini, le uova sono una delle fonti più concentrate di colina, un nutriente ormai riconosciuto come importante per la salute del cervello. Un solo uovo grande fornisce il fabbisogno giornaliero di colina per neonati e bambini piccoli e due uova grandi forniscono più della metà del fabbisogno giornaliero di colina per le mamme in gravidanza. Inoltre, l'introduzione precoce delle uova (tra i 4 ei 6 mesi di età e quando il bambino è pronto per lo sviluppo) può anche aiutare a ridurre il rischio di sviluppare un'allergia alle uova.

"Come scienziato nutrizionista e padre, so che questa è una notizia importante per i genitori", ha affermato il dottor Mickey Rubin, direttore esecutivo dell'Egg Nutrition Center dell'American Egg Board. "La colina è un nutriente sottoconsumato da tutti gli americani e le linee guida raccomandano le uova come notevole fonte di colina per supportare la salute e lo sviluppo del cervello durante la gravidanza. Inoltre, stabilire fin dall'inizio modelli alimentari sani garantisce che il corpo e il cervello in crescita dei bambini ricevano la nutrizione di cui hanno bisogno. Le uova sono un alimento fondamentale in questi primi anni perché forniscono un pacchetto nutritivo unico."

Uova: buone per il bambino - e anche per il resto di noi

Le uova si qualificano per tutti e tre i modelli alimentari salutari raccomandati nelle nuove linee guida e le linee guida affermano anche che le uova, in quanto alimento denso di nutrienti, possono contribuire alla salute e al benessere degli americani di tutte le età in diversi modi, tra cui:

Nutrienti importanti per gli adolescenti: Le Linee guida incoraggiano le uova per i preadolescenti e gli adolescenti, in particolare le ragazze, a causa delle proteine ​​e della colina che forniscono.

Riparazione muscolare e salute delle ossa: Le proteine ​​di alta qualità nelle uova aiutano a mantenere e riparare i muscoli, sostenendo la salute delle ossa.

B12 per gli anziani: Gli anziani sono a rischio nutrizionale per non assumere abbastanza proteine ​​e vitamina B12, che le uova forniscono come una buona fonte.

Fonte naturale di vitamina D: Gli americani non assumono abbastanza vitamina D, per la quale le uova, in quanto una delle poche fonti alimentari naturali, forniscono il 6% della raccomandazione giornaliera.


Mercato globale dell'olio di avocado fino al 2027: per tipo, natura, varietà, applicazione, canale di distribuzione e geografia

Secondo questo rapporto, il mercato ha rappresentato $ 669,48 milioni nel 2018 e dovrebbe crescere a un CAGR del 9,1% nel periodo 2019-2027 per raggiungere $ 1,452,25 milioni entro il 2027. Il rapporto evidenzia i fattori chiave che guidano la crescita del mercato e gli attori di spicco insieme ai loro sviluppi. nel mercato.

L'olio di avocado è un prodotto commestibile utilizzato in varie ricette alimentari, condimenti per insalate, prodotti da forno e snack dolci e salati. Viene anche utilizzato nei prodotti per la cura della persona e i cosmetici per le sue proprietà idratanti e rigeneranti. L'olio ha un alto contenuto di grassi monoinsaturi e un basso contenuto di grassi saturi ed è privo di colesterolo. L'olio di avocado è altamente preferito dalle persone con diabete poiché il consumo regolare di questo olio aiuta a ridurre i livelli di lipidi a bassa densità (LDL), cioè colesterolo cattivo. L'olio di avocado è ricco di vitamina E e potassio, che mantengono sani i vasi sanguigni eliminando i radicali liberi. Il consumo di cibo preparato con olio di avocado altera anche i livelli di oli grassi essenziali nei reni.

L'olio di avocado sta guadagnando terreno grazie alla crescente consapevolezza dei suoi benefici per la salute. Questo olio è anche ricco di antiossidanti e grassi sani.

Il 70% dell'olio di avocado è costituito da acido oleico salutare per il cuore, ovvero acido grasso omega-9 monoinsaturo. Vari studi dimostrano che l'olio di avocado aiuta a ridurre la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo nel sangue. È una ricca fonte di luteina, un carotenoide che si trova naturalmente negli occhi umani. Pertanto, il consumo di questo olio migliora la salute degli occhi e riduce il rischio di contrarre malattie oculari legate all'età. Uno studio recente ha scoperto che l'aggiunta di olio di avocado a un'insalata con carote, lattuga romana e spinaci migliora l'assorbimento dei carotenoidi nel corpo umano.

Il mercato globale dell'olio di avocado è concentrato con pochi attori affermati, queste società sono Aconcagua Oil & Extract SA Avocado Health Limited Crofts Ltd, Bella Vado, Inc. La Tourangelle, Inc. Madana Inc. Mevi Avocados, Inc. Olivado USA Sesajal SA di CV e Spectrum Organics Products, LLC (Hain Celestial Group, Inc.) tra gli altri.

Argomenti principali trattati:

1. Introduzione
1.1 Ambito dello studio
1.2 Guida ai rapporti
1.3 Segmentazione del mercato

2. Punti chiave

3. Metodologia di ricerca
3.1 Scopo dello studio
3.2 Metodologia di ricerca
3.2.1 Raccolta dati:
3.2.2 Interviste primarie:
3.2.3 Formulazione di ipotesi:
3.2.4 Analisi fattoriale macroeconomica:
3.2.5 Sviluppo del numero di base:
3.2.6 Triangolazione dei dati:
3.2.7 Dati a livello di paese:

4. Panorama del mercato dell'olio di avocado
4.1 Panoramica del mercato
4.2 Analisi dei parassiti
4.2.1 Nord America
4.2.2 Europa
4.2.3 APAC
4.2.4 MEA
4.2.5 SAM
4.3 Opinione di esperti

5. Mercato dell'olio di avocado - Principali dinamiche di mercato
5.1 Driver di mercato
5.1.1 Benefici per la salute offerti dall'olio di avocado
5.1.2 Aumento della prevalenza dei disturbi dello stile di vita
5.2 Restrizioni del mercato
5.2.1 Facile disponibilità di alternative all'olio di avocado
5.3 Opportunità di mercato
5.3.1 Aumento della domanda di olio di avocado biologico
5.4 Tendenze future
5.4.1 Domanda emergente di olio di avocado dalla regione Asia-Pacifico
5.5 Analisi dell'impatto di driver e restrizioni

6. Olio di avocado - Analisi del mercato globale
6.1 Panoramica del mercato dell'olio di avocado
6.2 Mercato dell'olio di avocado - Entrate e previsioni al 2027 (milioni di dollari USA)
6.3 Posizionamento di mercato - Classifica degli attori del mercato globale

7. Analisi del mercato dell'olio di avocado - per tipo
7.1 Panoramica
7.2 Mercato dell'olio di avocado, per tipo (2018 e 2027)
7.3 Extra Vergine
7.3.1 Panoramica
7.3.1.1 Extra Vergine: mercato dell'olio di avocado: entrate e previsioni al 2027 (milioni di dollari USA)
7.4 Vergine
7.4.1 Panoramica
7.4.1.1 Virgin: mercato dell'olio di avocado: entrate e previsioni fino al 2027 (milioni di dollari USA)
7.5 Raffinato
7.5.1 Panoramica
7.5.1.1 Raffinato: mercato dell'olio di avocado: entrate e previsioni fino al 2027 (milioni di dollari USA)
7.6 Miscele
7.6.1 Panoramica
7.6.1.1 Miscele: mercato dell'olio di avocado: entrate e previsioni fino al 2027 (milioni di dollari USA)

8. Analisi del mercato dell'olio di avocado - Per natura
8.1 Panoramica
8.2 Mercato dell'olio di avocado, per natura (2018 e 2027)
8.3 Organico
8.3.1 Panoramica
8.3.1.1 Biologico: mercato dell'olio di avocado - Entrate e previsioni fino al 2027 (milioni di dollari USA)
8.4 Convenzionale
8.4.1 Panoramica
8.4.1.1 Convenzionale: mercato dell'olio di avocado - Entrate e previsioni fino al 2027 (Mn US$)

9. Analisi del mercato dell'olio di avocado - per varietà
9.1 Panoramica
9.2 Mercato dell'olio di avocado, per varietà (2018 e 2027)
9.3 Hass
9.3.1 Panoramica
9.3.1.1 Hass: mercato dell'olio di avocado - Entrate e previsioni fino al 2027 (milioni di dollari USA)
9.4 Pinkerton
9.4.1 Panoramica
9.4.1.1 Pinkerton: mercato dell'olio di avocado - Entrate e previsioni al 2027 (milioni di dollari USA)
9.5 Fuerte
9.5.1 Panoramica
9.5.1.1 Fuerte: mercato dell'olio di avocado - Entrate e previsioni al 2027 (milioni di dollari USA)
9.6 Gwen
9.6.1 Panoramica
9.6.1.1 Gwen: mercato dell'olio di avocado - Entrate e previsioni al 2027 (milioni di dollari USA)
9.7 Altri
9.7.1 Panoramica
9.7.1.1 Altro: mercato dell'olio di avocado - Entrate e previsioni al 2027 (Mn USD)

10. Analisi del mercato dell'olio di avocado - per applicazione
10.1 Panoramica
10.2 Mercato dell'olio di avocado, per applicazione (2018 e 2027)
10.3 Alimenti e bevande
10.3.1 Panoramica
10.3.1.1 Alimenti e bevande: mercato dell'olio di avocado - Entrate e previsioni al 2027 (milioni di dollari USA)
10.4 Prodotti farmaceutici
10.4.1 Panoramica
10.4.1.1 Prodotti farmaceutici: mercato dell'olio di avocado: entrate e previsioni fino al 2027 (milioni di dollari USA)
10.5 Cosmetici
10.5.1 Panoramica
10.5.1.1 Cosmetici: mercato dell'olio di avocado: entrate e previsioni fino al 2027 (milioni di dollari USA)
10.6 Altri
10.6.1 Panoramica
10.6.1.1 Altro: mercato dell'olio di avocado - Entrate e previsioni al 2027 (Mn USD)

11. Analisi del mercato dell'olio di avocado - Per canale di distribuzione
11.1 Panoramica
11.2 Mercato dell'olio di avocado, per canale di distribuzione (2018 e 2027)
11.3 Ipermercati e Supermercati
11.3.1 Panoramica
11.3.1.1 Ipermercati e supermercati: mercato dell'olio di avocado - Entrate e previsioni al 2027 (Mn US$)
11.4 Negozi specializzati
11.4.1 Panoramica
11.4.1.1 Negozi specializzati: mercato dell'olio di avocado: entrate e previsioni fino al 2027 (milioni di dollari USA)
11.5 Negozi online
11.5.1 Panoramica
11.5.1.1 Negozi online: mercato dell'olio di avocado - Entrate e previsioni al 2027 (milioni di dollari USA)
11.6 Altri
11.6.1 Panoramica
11.6.1.1 Altro: mercato dell'olio di avocado: entrate e previsioni fino al 2027 (milioni di dollari USA)

12. Mercato dell'olio di avocado - Analisi geografica
12.1 Panoramica
12.2 Entrate e previsioni del mercato dell'olio di avocado in Nord America fino al 2027
12.3 Entrate e previsioni del mercato dell'olio di avocado in Europa fino al 2027
12.4 Entrate e previsioni del mercato dell'olio di avocado dell'Asia del Pacifico fino al 2027
12.5 Entrate e previsioni del mercato dell'olio di avocado in Medio Oriente e Africa fino al 2027
12.6 Entrate e previsioni del mercato dell'olio di avocado in Sud America fino al 2027

13. Impatto della pandemia di COVID-19 sul mercato globale dell'olio di avocado
13.1 Panoramica
13.2 Nord America: valutazione dell'impatto della pandemia di COVID-19
13.3 Europa: valutazione dell'impatto della pandemia di COVID-19
13.4 Asia-Pacifico: valutazione dell'impatto della pandemia di COVID-19
13.5 Medio Oriente e Africa: valutazione dell'impatto della pandemia di COVID-19
13.6 Sud America: valutazione dell'impatto della pandemia di COVID-19

14. Profili aziendali
14.1 Aconcagua Oil & Extract S.A.
14.1.1 Fatti chiave
14.1.2 Descrizione dell'attività
14.1.3 Prodotti e servizi
14.1.4 Panoramica finanziaria
14.1.5 Analisi SWOT
14.2 Avocado Health Limited
14.2.1 Fatti chiave
14.2.2 Descrizione dell'attività
14.2.3 Prodotti e servizi
14.2.4 Panoramica finanziaria
14.2.5 Analisi SWOT
14.3 CROFTS LTD
14.3.1 Fatti chiave
14.3.2 Descrizione dell'attività
14.3.3 Prodotti e Servizi
14.3.4 Panoramica finanziaria
14.3.5 Analisi SWOT
14.4 BELLA VADO, INC.
14.4.1 Fatti chiave
14.4.2 Descrizione dell'attività
14.4.3 Prodotti e servizi
14.4.4 Panoramica finanziaria
14.4.5 Analisi SWOT
14.5 La Tourangelle, Inc.
14.5.1 Fatti chiave
14.5.2 Descrizione dell'attività
14.5.3 Prodotti e Servizi
14.5.4 Panoramica finanziaria
14.5.5 Analisi SWOT
14.5.6 Sviluppi chiave
14.6 Madana Inc.
14.6.1 Fatti chiave
14.6.2 Descrizione dell'attività
14.6.3 Prodotti e servizi
14.6.4 Panoramica finanziaria
14.6.5 Analisi SWOT
14.7 Mevi Avocado, Inc.
14.7.1 Fatti chiave
14.7.2 Descrizione dell'attività
14.7.3 Prodotti e Servizi
14.7.4 Panoramica finanziaria
14.7.5 Analisi SWOT
14.8 Olivado USA
14.8.1 Fatti chiave
14.8.2 Descrizione dell'attività
14.8.3 Prodotti e servizi
14.8.4 Panoramica finanziaria
14.8.5 Analisi SWOT
14.9 Sesajal S.A de C.V.
14.9.1 Fatti chiave
14.9.2 Descrizione dell'attività
14.9.3 Prodotti e Servizi
14.9.4 Panoramica finanziaria
14.9.5 Analisi SWOT
14.10 Spectrum Organics Products, LLC (Hain Celestial Group, Inc.)
14.10.1 Fatti chiave
14.10.2 Descrizione dell'attività
14.10.3 Prodotti e Servizi
14.10.4 Panoramica finanziaria
14.10.5 Analisi SWOT

15. Appendice
15.1 Informazioni sull'editore
15.2 Indice delle parole

Per ulteriori informazioni su questo rapporto, visitare https://www.researchandmarkets.com/r/pde43f

Research and Markets offre anche servizi di ricerca personalizzata che forniscono ricerche mirate, complete e su misura.


Gli spread sono in genere più bassi di calorie, grassi e grassi saturi rispetto al burro o alla margarina. Alcuni marchi si vantano di essere fatti con olio d'oliva o olio di colza, ma ciò non significa che abbiano lo stesso profilo nutrizionale degli oli stessi. La maggior parte sono una miscela dell'olio presente e di altri oli vegetali. E tutte le creme spalmabili, anche quelle fatte con olio d'oliva (come Olivio) o yogurt (Brummel e Brown), contengono grassi trans o saturi. I nostri assaggiatori hanno apprezzato Brummel & Brown 35% Vegetable Oil Spread (che contiene olio di soia parzialmente idrogenato) e I Can't Believe It's Not Butter Light (che contiene oli di palma e palmisti). Entrambi hanno 45 calorie, 5 grammi di grassi e 1,5 grammi di grassi saturi.

Possono darti una leggera spinta nutritiva, ma non dare per scontato che se un po' va bene, molto è meglio, dice Lichtenstein: "L'assunzione di nutrienti può aumentare a scapito del tuo peso". Smart Balance Buttery Spread with Calcium, che contiene 100 milligrammi di calcio e 200 unità internazionali di vitamina D, aveva un accenno di sapore di latticini e si scioglieva bene, ma era salato. Le creme di omega-3 che abbiamo assaggiato non sono andate altrettanto bene. Smart Balance Buttery Spread con Omega 3 era più salato e dal sapore artificiale rispetto allo Smart Balance originale. Earth Balance Omega-3 aveva il sapore di pillole salate di olio di pesce.

Gli steroli/stanoli che abbassano il colesterolo sono un altro extra da spalmare. Due grammi al giorno - la quantità in 4 cucchiai di una diffusione di stanolo fortificato - potrebbero abbassare il colesterolo LDL (cattivo) di circa il 10 percento. Con 50-70 calorie per cucchiaio, ciò può intaccare notevolmente l'apporto calorico. I nostri assaggiatori hanno dato a Benecol 55% Vegetable Oil Spread un buon punteggio, ma hanno detto che aveva un residuo oleoso.


In futuro, tutto sarà fatto di ceci

L'America sta finalmente abbracciando un ingrediente su cui gran parte del mondo ha fatto affidamento per millenni.

Nel 2007, Poorvi Patodia era incinta e si sentiva come se stesse mangiando troppe patatine. La sua voglia di snack salati e croccanti era intensa, ma ciò che le mamme dovrebbero mangiare durante la gravidanza è un argomento delicato. “Ho avuto questo pensiero, Cos'altro potrei mangiare di meglio per me?" lei dice. "Mi sono ricordata di questi ceci arrostiti che faceva mia mamma".

Patodia ha iniziato a arrostire i ceci da sola. Ha avuto il suo bambino e ha continuato la sua vita, ma il pensiero le è rimasto impresso. I suoi compagni americani si stavano perdendo qualcosa di delizioso.

Cinque anni dopo, Patodia ha unito le sue voglie di gravidanza, il suo background indiano e l'esperienza professionale nel settore alimentare e ha fondato Biena Snacks, che offre più di una dozzina di varietà di ceci croccanti e aromatizzati. Era la cosa giusta al momento giusto, anche in un paese che ha a lungo ignorato l'ingrediente: gli snack sono ora disponibili in più di 12.000 punti vendita.

Biena fa parte di una costellazione di aziende alimentari americane, tra cui Banza e The Good Bean, che negli ultimi anni è nata intorno all'umile cece, pronta a integrare pienamente un alimento base globale nella dieta del paese. Ora ci sono le patatine fatte con farina di ceci e burro vegan emulsionato con gli scarti liquidi della lavorazione dell'hummus. C'è l'hummus da dessert, che potrebbe essere una delle vendite più difficili nell'albero genealogico dei ceci. Oltre al negozio di alimentari, ci sono ricette virali di ceci da preparare a casa, e forse anche della salamoia di ceci dietro il bancone del tuo cocktail preferito. (La sostanza, comunemente chiamata aquafaba, può essere utilizzata per creare un effervescenza senza la minaccia della salmonella portata da un albume crudo.)

Gli ingredienti alla moda con proposte incentrate sulla salute possono essere facilmente liquidati come il dominio degli abitanti della costa benestanti che sopravvalutano l'importanza delle proprie preferenze. Ma il picco di interesse per i ceci negli Stati Uniti è stato così profondo che si riflette persino nei dati di ricerca su Internet: le richieste mensili di Google sono più che triplicate da gennaio 2011, quando l'hummus era già all'ordine del giorno tra i mangiatori più avventurosi del paese. In un paese sempre più diffidente nei confronti della carne, più aperto che mai agli ingredienti non occidentali e ansioso per il cambiamento climatico, il ruolo in espansione dei ceci nella dieta americana non è tanto una tendenza quanto una logica inevitabilità.

In primo luogo, c'era l'hummus, il cavallo di Troia su cui il cece cavalcava nella dieta americana. "L'hummus è stato uno dei primi alimenti alimentari di prestigio", afferma Ali Bouzari, uno scienziato alimentare e consulente culinario che aiuta le aziende a sviluppare nuovi prodotti alimentari. “Hummus era I Soprano del supermercato». Grazie alle nuove tecnologie di produzione e confezionamento che erano diventate disponibili nel periodo dell'ascesa dell'hummus negli anni 2000, afferma Bouzari, le aziende alimentari sono state in grado di offrire ai consumatori un prodotto più fresco e dal sapore migliore rispetto alla prima volta che i marchi di snack si erano cimentati in salse di fagioli - che è essenzialmente ciò che è l'hummus - negli anni '70.

L'espansione americana di Hummus è stata guidata dalla società israeliana Sabra, che ha avuto un tale successo che PepsiCo ne ha acquistato una quota del 50% nel 2008. Ma il coinvolgimento di giganti conglomerati alimentari è un'indicazione del successo dell'hummus, non la causa, afferma Bouzari. . "Non potrebbero semplicemente ficcarcelo in gola se non lo comprassimo", spiega.

La crescente scuderia di consumatori attenti alla salute dell'epoca voleva qualcosa in cui intingere le carote oltre al condimento ranch senza grassi. Hummus ha fornito uno spuntino che non era basato sull'ingegnerizzazione delle parti buone di qualcosa che gli piaceva, e ha beneficiato di una popolazione americana più aperta ai nuovi cibi di quanto non fosse mai stata. È apparso nei negozi di alimentari in un momento in cui gli americani avevano già iniziato ad acclimatarsi in massa a cose come il sushi, che era stato considerato intollerabilmente straniero dalla maggior parte degli americani per decenni. Comparativamente, l'hummus è stato un piccolo salto.

"Si riduce al fatto che alla gente piacciono le cose cremose e amidacee", dice Bouzari. "E a questo punto, la curva di apprendimento americana per i nuovi cibi è follemente breve". Attribuisce questo passaggio a Internet e ai viaggi creando un senso di ampia familiarità con più tipi di cibo, ma anche ad alcune differenze fondamentali in chi prende le decisioni nell'industria alimentare americana. Persone come lui e Patodia, che sono cresciuti con genitori immigrati e hanno avuto esperienze culinarie che hanno deviato dalla vecchia norma americana bianca, hanno più potere di plasmare ciò che finisce nei negozi di alimentari, sia come consumatori che come professionisti del settore.

Una volta che l'hummus è diventato un alimento base molto apprezzato dai negozi di alimentari, le persone a tutti i livelli dell'industria alimentare americana hanno visto un'opportunità nella versatilità del legume. In Medio Oriente, Asia meridionale, Africa e Mediterraneo, i ceci sono un ingrediente comune nella cucina quotidiana da migliaia di anni. "Il motivo per cui i ceci vengono coltivati ​​e consumati così pesantemente in quelle aree è il loro valore nutritivo", afferma Douglas Cook, capo del laboratorio di ceci presso l'Università della California a Davis. “It’s an import species, and we’re a bit late to the party.”

One of the chickpea’s biggest sells to modern American consumers is its protein and fiber content. Like Greek yogurt, another familiar but foreign food that took off at roughly the same time, the chickpea’s high protein—15 grams a cup when cooked—is seen as evidence of its superior food value in a diet culture obsessed with protein. Indeed, Patodia says that one of Biena’s two biggest consumer demographics isn’t characterized by a particular location or income level, but by a common goal. “They’re struggling or aspiring to eat healthier but have a hard time with it,” she says. “It’s the original problem I was trying to solve for myself.”

For those with food allergies or dietary restrictions, meanwhile, chickpeas are a utility player. They tend to trigger fewer reactions than wheat or soy while furnishing a similar stable of flours, extracts, and nonanimal protein sources. Plus, twice as many Americans believe they have food allergies as actually do, so an ingredient’s status as allergy-friendly can propel it to popularity beyond just those with diagnosable problems. Bouzari sees this as a big motivator for his clients that are developing new products. “Chickpea is one of the five or 10 ingredients that, universally, everyone is okay with putting in their stuff,” he says.

For vegetarians, vegans, or omnivores who want to eat less meat, the bean is handy and transmutable. “It’s available across cuisines, so it’s a pretty easy thing to adapt to people’s diets,” says Alicia Kennedy, a vegan food writer and the host of the Meatless podcast. “It takes on so many flavors on its own, so it’s kind of the chicken of the bean world.” Chickpeas are common in Indian, Turkish, Ethiopian, Middle Eastern, Greek, Italian, and Spanish food, just to name a few, so they’re an easy starting point for American cooks. “Chickpeas just aren’t an intimidating bean,” Kennedy says.

The number of Americans who eschew meat or animal products altogether has held roughly steady in recent decades, but the amount of meat eaten by Americans overall has declined: From 2005 to 2014, red-meat consumption in America dropped by almost one-fifth. The concerns about health and the environment that drove that drop have only intensified in the five years since. Chickpeas are inexpensive and broadly available, and the global cuisines they commonly appear in are ones that de-emphasize meat in ways that Americans are starting to see as more valuable. People in the United States aren’t trying anything new. Instead, they’re regressing to the global mean after generations of profligate meat consumption that many now consider unwise.

In the maybe-not-so-distant future, getting closer to that mean might be more necessity than choice. In a climate that’s getting hotter and drier for many Americans, sustainable and nutritionally dense crops such as chickpeas will likely play an important role in feeding people, as exactly what America can cultivate changes. Chickpeas haven’t dominated global diets for millennia by coincidence, according to UC Davis’s Cook. “Chickpea is very efficient in terms of water use, and in most of the world, it’s grown as a rain-fed crop,” he says. It also enriches the ground it grows in: Chickpeas, like other legumes, release nitrogen into the soil. Cook says that reduces the need for one of the most expensive and environmentally damaging elements of industrial food cultivation: fertilizer made by burning fossil fuels.

Its particular combination of cultural and nutritional circumstances makes the chickpea’s expanding popularity a different phenomenon than Millennial trends that might be dismissively associated with it, such as avocado toast or gluten avoidance. It’s less of a fad, and more of a new norm in what people expect from the food they buy. “People up and down the whole chain, whether it’s people going to the stores or buyers for the stores or product developers, there’s momentum,” Bouzari says. Americans at large are just ready to eat a little differently, he explains. “If someone tried to launch hummus in the American market in March 2019, it would be a phenomenon by September, and you’d be writing about it right when football season started.”


Best Truffle: TRUFF Truffle-Infused Hot Sauce

If it seems that the unique flavor of truffle would get drowned by hot sauce, think again. TRUFF hot sauce provides the heat as well as the truffles, in a unique sauce that turns taco Tuesday into a gourmet affair. Not just for tacos, it’s also great on burgers and can be used in a marinade, sauce, or dip, so it’s great for chicken, steak, fries, and chips. This original version of the sauce packs medium heat, but a hotter sauce is also available for those who want more kick. This is gluten-free, vegan, and preservative-free and comes in a 6-ounce bottle that will look good in the kitchen and on the table—meaning it’s also great for gifting.


Avocado 101 – Everything You Need to Know

Avocados have broken out of the bowl—they’re no longer found only in guacamole! The bumpy-skinned fruit (yes, avocado is a fruit) has taken America by storm. The sales of Hass avocados, which make up more than 95 percent of all avocados consumed in the United States, soared to a record of nearly 1.9 billion pounds (or some 4.25 billion avocados) in 2014—four times as many as sold in 2000.[1]

Fast food restaurants are now offering them with their sandwiches, avocado bars are cropping up in the west, even President Obama has tweeted about them,[2] and this morning (at a time when television is frustratingly overfilled with elections, violence, crime, and the Chicago Cubs), as I watched a bit of the news before starting this post, the lowly guacamole was right up there in the morning news! There’s a national avocado shortage right now and people are freaking out because they love their avocados so much.

So I thought it was good timing to get on the bandwagon and share my own thoughts and findings about one of my favorite foods. Yes, I love avocados, and have been using them for much more than just guacamole for a couple years—although guacamole is one of my favorite things!

10 Health Benefits of Avocado

In an earlier post I wrote about 10 health benefits to avocados. Let me briefly list them here:

  1. Benefits in pregnancy.Avocados are a natural source of folate which contains folic acid and is important for the development of a healthy fetus. Synthetic versions of folic acid are recommended for all women who are planning to get pregnant eating avocados is a simpler and tastier option!
  2. Avocados are brimming with ‘good’ fats. You may have heard that you should avoid avocados due to their high fat content. This is not quite the case. While they are very high in fat (and calories) these are monounsaturated fats or ‘good fats’. They assist good heart health and help to lower blood pressure. The monounsaturated fats found in avocados can also help to reverse insulin resistance which can lead to the development of type 2 diabetes.
  3. Fantastic source of Vitamin E. Avocados are the fruit with the highest level of Vitamin E (yes avocados are a fruit!) Vitamin E is an essential vitamin and helps to maintain overall health. Vitamin E also has positive effects on heart disease, stroke, cancer prevention, and development of cataracts and is widely claimed to have anti-aging properties.
  4. Source of dietary fiber. Avocados contain both soluble and insoluble fiber meaning they help to reduce cholesterol levels by preventing re-absorption, help to maintain bowel function and can assist the body to avoid blood sugar spikes after meals.
  5. You know exactly what you’re getting when you buy an avocado. At the time of writing there are no genetically modified avocado crops. Avocados have such a thick skin that the inner fruit is protected from pesticides making the cost of organic avocados something you can easily bypass.
  6. Avocados are a ‘brain food’.Dr. Daniel G. Amen considers them one of the best brain-healthy foods that you can consume to help reduce the risk of developing Alzheimer’s. Omega 3 fatty acids as well as Vitamin E are naturally occurring in avocados and have been clinically proven to stop Alzheimer’s disease from progressing and possibly even reversing the very early stages.
  7. Better nutrient absorption.Adding avocado to a meal has been found to increase the amount of carotenoids absorbed from that meal by up to 5 times. Carotenoids include beta carotene and lycopene which are important nutrients for good health. This increase is through to be due to nutrients and enzymes in avocados that reduce stomach inflammation and inflammation in the small intestine’s mucous lining. So you not only get the powerhouse of nutrients contained in the avocado but you get greater benefits from the foods you choose to eat with it.
  8. May aid in stroke prevention.The high folate levels that are beneficial to pregnant women may also play a part in reducing the incidence of stroke. Those who eat diets that contain a lot of folate have been shown to suffer stroke far less than those who eat less folate in their everyday diet.
  9. Reduction of cholesterol. One study has shown a 17% decrease in cholesterol levels for participants who ate increased amounts of avocado for just one week. Researchers believe this is due to beta-sitosterol which has previously been found to assist in lowering cholesterol levels.
  10. Protection for your eyes. Eating avocados can increase your levels of Lutein which protects against macular degeneration and the formation of cataracts. Further research is needed to determine exactly what it is that may assist in eye protection.

But there are many more benefits to eating avocado than those ten listed above. Let’s look at a few more:

  • Good digestion—they soothe the intestine and help to keep it running smoothly. The fiber in avocados helps to ensure the smooth passage of food through the intestinal tract.
  • Dental Care—consuming avocados helps to prevent bad breath, and have been connected with preventing oral cancer.
  • Skin and Hair Care—the nutrient-dense benefits are fantastic for enriching skin that is dry, chapped or damaged.
  • Healthy Eyes—the carotenoids in avocados protect your eyes against cataracts and eye diseases related to aging.
  • Healthy Heart—they help to prevent atherosclerosis and reduce hypertension.
  • Arthritis—the anti-inflammatory properties and wide range of phytochemicals, flavonoids, carotenoids, phytosterols, fatty alcohols, and omega-3 fatty acids make avacodos one of the best foods for getting rid of inflammation in tissues, joints, and muscles.

These are just a few of the reasons why Americans are eating billions of this tasty fruit every year. Of course one of the biggest reasons—at least in my thinking—is the scrumptious taste and flavor of avocados.

Ways to Use Guacamole on Your Body

Don’t think that the only way you can use guacamole is as an ingredient in a food item. There are dozens of ways to use avocados that you can find online. Here’s a few.

  1. Avocado Face Mask—avocado is rich in fatty acids and makes a great natural moisturizer for dry of unbalanced skin. With winter coming on, this would be a great time for you to add this face mask to your winter beauty regimen. You can find the recipe here.
  2. Avocado Hair Oil—avocado oil can seal in moisture, get rid of the frizzies, and prevent split ends in your hair. It is rich in vitamins and protein. Try making this Avocado Hair Oil to use after washing and conditioning your hair. Apply a few drops and comb it through. You’ll love the smooth, soft, hydrated feel of your hair.
  3. DIY Avocado Foot Scrub—it’s not only the fruit of the avocado that is useful, you can make an exfoliating foot scrub using the peel and ground up pit. Maybe your feet are rough and calloused from summertime barefoot walking. Or maybe you have alligator soles year round and need to soften them. Try this DIY Avocado Foot Scrub recipe.
  4. Get rid of the bags under your eyes—Have you tried expensive creams and lotions and are still left with those ugly bags under your eyes? Simply peel an avocado, remove the pit, and slice quarter-inch crescents. Just lie down for about 20 minutes while placing a slice under each eye. (Don’t forget to use the remaining slices in your favorite recipes.)
  5. Avocado Baby Food—avocados are often called one of nature’s perfect foods because they are said to contain everything a person needs to survive. They are a great first food for baby due to their texture and creaminess. I gave my kids avocado long before many other “baby-appropriate” foods, and they loved them, and still do. You can find all the information you need for introducing avocados to your baby here.

The Many Ways to Eat Avocados

You knew I’d get to the good part about eating them. There are so many ways to use avocados in recipes that I can’t begin to cover all of them. You can do your own research online—believe me, you won’t be disappointed!

I want to give you a list of some food options, and then I’ll share three of my favorite recipes with you.

Food Options

  • Make vegan mayonnaise (or just use avocado in place of mayo.)
  • Bake cheesy skillet pizza bread
  • Make Banana Avocado Pudding
  • Freeze it into popsicles
  • Bake an egg in it
  • Grill it
  • Stuff it
  • Make low-carb, dairy-free mint chocolate chip ice cream.
  • Make guacamole hummus
  • Blend it into pesto
  • Use it as a base for cold soup
  • Substitute it in creamy salad dressings
  • Make frosting
  • Turn it into cheese-less cheesecake
  • Mix it in mashed potatoes
  • Use it in risotto
  • Eat avocado pancakes for breakfast
  • Make fried avocado tacos

Now I want to share three of my favorite ways to eat quacamole.

Jackie’s Guaciled Eggs

I was trying to figure out something to bring to a pot-luck one time, and I thought deviled eggs would be very Paleo-friendly, and even those who weren’t sticking to a specific food plan would enjoy it. In comes my idea for Guaciled Eggs!

Ingredienti

  • 8 Boiled eggs – cut in half lengthwise and yolks removed. Here a post I did on my sneaky way to peel those annoying farm fresh eggs.
  • 3-4 TB lemon juice
  • 2 TS of dried mustard and Pepper to taste
  • About 1/4 cup of Guacamole (I use Wholly Guacamole or make your own)
  • Paprika

Indicazioni

I threw the egg yolks in the food processor and added the guacamole. I pulsed it a few times to combine and then added the lemon juice until it was the consistency I wanted. Then I threw in the spices, scooped the mixture in the egg whites, and added some paprika on top! È stato delizioso.

Fudgy Avocado Brownies

If you love chocolate as much as I do, then you are going to want to make these creamy, rich, decadent, thick, gooey, appetizing, exquisite, dense, heavenly, savory, succulent, sumptuous, yummy, fudgiest, chocolately brownies EVER! This is not my own recipe, but I highly recommend you try them. You will love them. Besides delicious avocados, you will use dark chocolate, coconut oil or butter, almond flour, unsweetened cocoa powder, and eggs. You can even top them with the avocado frosting recipe you can find online in the list above. This delicious recipe can be found here.

Baked Avocado and Egg

OK, I know the avocado brownie recipe was just a little bit hyped! You probably won’t make them every day. But this recipe for a breakfast dish using avocado and egg is something that would start you out with a healthy, delicious breakfast any day you try it. They are easy to prepare, and you can bake them while you are getting school lunches made or completing your morning chores.

Ingredienti

  • 1 avocado (per two people)
  • 2 uova
  • 2 slices cooked and crumbled bacon
  • A sprinkle of your favorite spicy spice (We love red pepper on ours)
  • Sea salt and pepper to taste
  • A little feta cheese (optional)

Indicazioni

Preheat your oven to 425 degrees. Cut each avocado in half, removing the pit. Crack an egg into each avocado hole. If the hole looks too small, scoop out a bit of the fruit before adding the egg. Season each half with spicy spice, sea salt and pepper. Put the halves in a glass baking dish and bake approximately 15 minutes. Check to be sure the egg is done the way you prefer before removing from oven. Sprinkle with crumbled bacon and feta cheese, and dig in.

Get Started

If you’ve never tried eating avocado any way but in guacamole then it’s time you got creative. It’s one of the healthiest e tastiest things you can do for you and your family.


The Phenomenon of Dancing Grannies: Guangchangwu

By Maria Rincon, Angela Jie Wang, Natalie Meyer, and Margot Lambilliotte

It is 7:30 p.m. on a wintery, dark Monday evening in Beijing. Wang Qingli, a 63-year-old Chinese woman, has just left her apartment. Like most evenings, she is headed to meet six of her friends for a weekly practice session of guangchangwu dancing.

Dancing Grannies in Beijing

All over China, millions of elderly people meet on a daily basis to dance with groups in public places. Conosciuto come guangchangwu, or “public square dancing,” this social activity draws the attention of locals and foreigners alike.

According to Xinhua News Agency, there are 100 million retirees in China who belong to these groups, most of them being women. This gender majority has earned participants the affectionate street name of “the dancing grannies.” Usually gathering at night in parks, on the pavement or in public squares, they move their bodies in synch to lively Chinese pop music.

Guangchangwu is an affordable and inclusive activity all ages are welcome, but some groups require auditions. The activity creates a sense of belonging for dancers, especially in today’s fast-paced, digitally-charged society. Guangchangwu allows the middle-aged and elderly to connect with a community and socialize with others their age.

“I wait for this moment every day. It is not only a way to exercise, but [also] to meet other people my age as well. Being retired can be difficult we can easily feel lonely and useless. Now I feel like I belong to a community again. I tried to exercise on my own before, but that was different. With this group, we are like a big family,” says Wang.

Guangchangwu is one of the main ways that elderly Chinese people stay fit and healthy.

However, providing sufficient public facilities for these dancers continues to be a challenge for the Chinese government. This is why finding a permanent space to dance is an ongoing issue for guangchangwu groups.

Dancing grannies often have to fight over dance space in areas such as parks, shopping mall plazas, residential complexes, and parking lots. Some groups have had to become more creative with finding a place to dance from construction zones and empty lots, to basements in buildings, and spaces under bridges.

Beijing Guangchangwu Sites
Image Credit to Caroline Chen

“We try to get here as early as possible. Otherwise another guangchangwu group can steal our dancing spot. This happened last summer. Both groups were putting on their music louder and louder to try and make the other group go away.” says Huang Anxi, who is 69-years-old and has been dancing for seven years.

Performing in noisy environments is part of the routine for the dancing grannies who grew up listening to Chinese patriotic songs in public. However, not everyone in the neighborhood feels the same way about the loud music blasting from speakers.

Noise pollution complaints have continued to increase in the last few years. In 2015, the Beijing government decided to impose sanctions on some guangchangwu groups through fines or other kinds of penalties.

Guangchangwu dancers perform in a plaza
Photo Credit to Zhang Minhui

“For these reasons we try to stay discreet. We don’t like being filmed or being photographed. But we will never stop dancing. We only stop when there is pollution or bad weather because it is unhealthy to stay outside,” says Huang.

It seems that nothing can stop these dancing grannies. For them, belonging to a dance group is a way to take part in an outdoor and stimulating activity with several health benefits.

More than just a recreational activity, guangchangwu has been taken to another level by some dancing grannies. Guangchangwu competitions are held in many communities across China. The participants spend hours choreographing and rehearsing dance routines to compete on stage with costumes.

In Ningbo, Zhejiang, 70-year-old Mei Qin is part of a guangchangwu performing group who won first place in their community’s guangchangwu competition last year. Including Mei Qin, Sunshine Dance Group consists of 35 dancers that practice guangchangwu in front of their neighborhood’s Wanda Plaza every week. Since 2017, Sunshine Dance Grouphas taken part in several performances each year. They perform for community events and in senior homes.

Sunshine Dance Group in Ningbo
Photo Credit to Mei Qin

“We’re sisters that dance together and grow together. Even though we’re getting older, I think our posture is getting better because we dance. I forget my age when I dance guangchangwu because dancing to the music makes me feel young. Sunshine Dance Group is like my family,” says Mei Qin.

Sunshine Dance Group in Ningbo
Photo Credit to Mei Qin

In Vancouver, Canada, guangchangwu is a common sight: small groups of Chinese women dance amongst children hanging from monkey bars and teenagers playing basketball.

Most of these middle-aged Chinese women are young grandmothers. They immigrated with their families to Vancouver from provinces in China such as Sichuan, Hunan, and Zhejiang. Besides spending time at home, cooking, and watching television dramas, they say taking part in guangchangwu is one of their favorite past times.

“Back in Chengdu I played mahjong and danced guangchangwu with many friends. Now I am here to take care of my grandson and granddaughter. I find happiness in dancing guangchangwu with others here,” says 63-year-old Fan Xiao Yang.

Yang has been living in Richmond, British Columbia, for two years now. She dances guangchangwu every Monday, Wednesday, and Friday evening at Garden City Elementary School Park.

Spreading worldwide, guangchangwu has also taken on public theater. Back in 2016, a 80-minute drama starring six dancing grannies took place in Penghao Theater in downtown Beijing. “50/60 Dance Theater with Dama” included guangchangwu choreography with inspiration from Beijing opera, ballroom dancing, and daily chores. The six performers are retired dancing grannies with no previous professional training or stage experience. and also performed on the international stage at the Vie Festival in the Bologna, Italy.

Guangchangwu in Pechino Park

The phenomenon of dancing grannies continues to attract more and more participants in China and across the world. While certain challenges remain, the passion and talent of guangchangwu dancers is truly inspiring. More than just a way to stay healthy and connected to the community, guangchangwu has become an integral part of Chinese society.

Dancing grannies and pom poms
Photo Credit to Zhang Minhui

A big thank you to all the participants who contributed to this project. The Phenomenon of Dancing Grannies: Guangchangwu is for the Global Business Journalism Program at Tsinghua University.


Guarda il video: LEVANTA TU LA NOCHE SIN USAR PASTILLAS (Gennaio 2022).